Lunedi ore 2.00

La cassa toracica che confusione,

sembra un magazzino di spedizione,

c’è anche l’eco,

se mi lamento mi risponde,

ed io alzo la testa

per vedere

da dove viene quella voce.

E se ne va invece il respiro

e soffocando prendo il cortisone

mentre l’antibiotico,

che è un pillolone

faccio fatica a mandarlo giù

ma poi passa

e va nello stomaco

dove fa il danno

che si era proposto

alla fine, tra una cosa e l’altra

non si dorme.

Che notte,

che notte,

vedo però

che sono in compagnia.

Amici con gli occhi aperti,

cantiamo sottovoce,

sono sicura che

non ci sopportiamo a lungo e

ci prende per mano il sonno,

pur di farci smettere.

(Bianca Maria Rorato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *