La Repubblica di Venezia

Situata nel punto più interno dell’Adriatico, a metà strada fra Oriente e Occidente, sull’unico grande itinerario marittimo del commercio medievale; porto mediterraneo, eppure così a nord da trovarsi quasi nel cuore dell’Europa; Venezia era il punto su cui convergevano tutte le vie di traffico terrestri e marittime che potessero essere percorse da bestie da soma o solcate da navi. […] Ma se la geografia aveva dato a Venezia una posizione senza pari, i Veneziani fecero il resto. Per tutti i primi anni della loro storia sfidarono Costantinopoli a oriente, e il Papa e il Sacro Romano Imperatore a occidente: a volte rivolgendosi a uno, a volte all’altro, ma sempre ostinatamente attaccati alla loro indipendenza… […] Capaci, se minacciati, di ritirarsi nelle loro isole […] Consapevoli sempre che, per essi, l’avvenire si trovava sul mare e in quelle terre orientali il cui calore si era insinuato nella loro civiltà e aveva scaldato il loro sangue. Erano occidentali e orientali insieme, questi veneziani: cuori caldi nell’amare e nel conquistare, teste fredde nel progettare e nel governare.
Eileen Power
Located at the innermost point of the Adriatic, halfway between East and West, on the only great maritime route of medieval commerce; Mediterranean port, yet so to the north that it is almost in the heart of Europe; Venice was the point on which all the terrestrial and maritime traffic routes that could be traveled by beasts of beasts or furrowed by ships converged. […] But if the geography had given Venice an unparalleled position, the Venetians did the rest. Throughout the first years of their history they challenged Constantinople to the east, and the Pope and the Holy Roman Emperor to the West: sometimes turning to one, sometimes to the other, but always obstinately attached to their independence … […] Capaci, if threatened, to withdraw into their islands […] Always aware that, for them, the future was on the sea and in those eastern lands whose heat had crept into their civilization and had warmed their blood. They were Westerners and Easterners together, these Venetians: warm hearts in loving and conquering, cold heads in planning and grooming.
Eileen Power

 

La Repubblica di Venezia possiede una storia affascinante. Tutti gli storici italiani ed internazionali hanno cercato di comprendere come questa città avesse conseguito enormi successi in un’epoca buia per l’Italia e l’Europa, corrispondente al Medioevo. La Repubblica emerse dalle ceneri dell’Impero Romano e dominò l’intero Mediterraneo Orientale, controllando anche le isole dell’Egeo. Inoltre, ebbe importanti diritti commerciali esclusivi sull’Impero Bizantino, che in realtà doveva governarla. La storia della Repubblica di Venezia nasconde alcuni segreti incredibili che cercheremo di spiegarne attraverso i passaggi a seguire.
The Republic of Venice has a fascinating history. All Italian and international historians have tried to understand how this city had achieved enormous successes in a dark era for Italy and Europe, corresponding to the Middle Ages. The Republic emerged from the ashes of the Roman Empire and dominated the entire Eastern Mediterranean, also controlling the Aegean islands. Moreover, he had important exclusive commercial rights over the Byzantine Empire, which actually had to govern it. The history of the Republic of Venice hides some incredible secrets that we will try to explain through the steps to follow.

 

La storia della Repubblica di Venezia la inizio dalla fine del VII secolo, quando l’Imperatore Romano d’oriente Maurizio attribuì il titolo di Duca ad un rilevante esponente lagunare. L’obiettivo era quello di difendere la laguna e l’esarcato di Ravenna dalle invasioni dei Longobardi. Le truppe bizantine non furono in grado di contrastare i Longobardi. Di conseguenza, questi ultimi conquistarono Ravenna nel 751. Il Ducato Veneziano divenne abbastanza autonomo rispetto al dominio imperiale di Costantinopoli, che appariva molto lontano dai punti vista politico e militare. Da questi elementi scaturì la memorabile ascesa del più potente stato italiano e del Mediterraneo fino alle imprese napoleoniche.

 

The history of the Republic of Venice began at the end of the seventh century, when the Eastern Roman Emperor Maurizio attributed the title of Duke to a relevant lagoon exponent. The objective was to defend the lagoon and the exarate of Ravenna from the invasions of the Lombards. The Byzantine troops were unable to oppose the Lombards. As a result, the latter conquered Ravenna in 751. The Venetian Duchy became quite autonomous with respect to the imperial dominion of Constantinople, which appeared very far from the political and military points of view. From these elements emerged the memorable rise of the most powerful Italian state and the Mediterranean up to the Napoleonic enterprises.
A Venezia iniziò una fase di tensione in seguito all’incoronazione di Carlo Magno. Il popolo non gradiva questo re e voleva difendere la propria libertà, conseguita sotto l’esarcato di Ravenna e il dominio dei Bizantini. Nacquero diversi attriti tra Franchi e Veneziani, conclusi con la decisione del Doge di far restare Venezia una Provincia dell’Impero Bizantino. Una scelta intrapresa con lo scopo di conservare l’autonomia avuta fino a quel momento. Successivamente, sorsero diverse problematiche con le popolazioni Slave, Magiare e Saracene, controllate dall’Impero Bizantino. Venezia divenne col tempo più potente dello stesso Impero e impose tributi a Costantinopoli. Ne guidò persino la conquista nella IV Crociata del 1204, in seguito alla quale nacque l’Impero Latino d’Oriente. Il Doge veneziano teneva l’intero territorio sotto controllo.
A phase of tension began in Venice following the coronation of Charlemagne. The people did not like this king and wanted to defend their freedom, achieved under the exarchate of Ravenna and the dominion of the Byzantines. Several frictions arose between the Franks and the Venetians, concluded with the decision of the Doge to make Venice remain a Province of the Byzantine Empire. A choice taken with the aim of preserving the autonomy had up to that moment. Subsequently, several problems arose with the Slave, Magiare and Saracene populations, controlled by the Byzantine Empire. Venice became over time more powerful than the Empire itself and imposed tributes to Constantinople. He even led the conquest in the Fourth Crusade of 1204, after which the Latin Empire of the East was born. The Venetian Doge kept the whole territory under control.
Il punto più alto della potenza militare della Repubblica di Venezia coincise con la battaglia di Lepanto, risalente al 1571. In quella circostanza il Sultano subì una pesante sconfitta e ridimensionò il proprio territorio come potenza navale dell’Impero Ottomano. La Repubblica cadde in seguito al Trattato di Campoformio, quando Napoleone Bonaparte sacrificò la Repubblica all’Austria dopo la presa di Milano e della Lombardia. Il popolo veneto non ha mai perso l’orgoglio e il privilegio di aver preso parte ad una Repubblica che ha dominato il Mediterraneo per secoli.
The highest point of the military power of the Republic of Venice coincided with the battle of Lepanto, dating back to 1571. On that occasion the Sultan suffered a heavy defeat and downsized his territory as a naval power of the Ottoman Empire. The Republic fell following the Treaty of Campoformio, when Napoleon Bonaparte sacrificed the Republic to Austria after the capture of Milan and Lombardy. The Venetian people have never lost the pride and privilege of having taken part in a Republic that has dominated the Mediterranean for centuries.

 

Unico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *