La Ex URSS Che Non Ti Aspetti!

Le cannonate della Rivoluzione d’ottobre aiutarono i progressisti cinesi, e quelli di tutto il mondo, ad adottare la visione del mondo proletaria come strumento per studiare il destino delle loro nazioni e per riesaminare daccapo tutti i loro problemi. Seguire la strada dei russi: questa fu la loro conclusione. Mao Tse Dun
The cannonades of the October Revolution helped the Chinese progressives, and those around the world, to adopt the vision of the proletarian world as a tool to study the fate of their nations and to re-examine all their problems afresh. Follow the road of the Russians: this was their conclusion.
Mao Tse Dun
Il commento del Video spiega molto bene e in modo aderente alla realtà ciò che in altre parole si evince dal mio commento a seguito delle mie ripetute visite nelle varie repubbliche URSS

 

The video comment explains very well and in an adherent way to reality what in other words is evident from my comment following my repeated visits to the various USSR republics

 



Di seguito Video storici dell’URSS ai tempi della guerra fredda.
Below are historical videos of the USSR at the time of the cold war.

Evito accuratamente commenti circa il periodo della guerra fredda di cui ho allegato 4 Video.
I carefully avoid comments about the Cold War period of which I attached 4 Videos.


Non che io sia un profondo conoscitore del territorio russo, però ho avuto modo di muovermi in alcune Repubbliche nel periodo della Peristroika e constatato pure le società che ne facevano parte, formate da persone assai differenti tra loro, che anni e anni di vari condizionamenti e il comunismo non erano riusciti omologare in pieno; ma ciò è e rappresenta la bellezza lasciata della allora URSS. Il mio primo contatto col territorio l’ho avuto nel 1986 col processo di cambiamento in atto e con esso l’apertura ai mercati in Europa, che in verità era partito da alcuni anni prima. In ogni caso però, era ancora molto presente la strategia di tenere in sorveglianza chi a vario titolo entrava nel territorio sovietico, vale a dire: si percepiva chiaramente un accurato controllo dei movimento personali per qualsiasi destinazione. Ma non è di ciò che voglio parlare piuttosto dell’enorme reale differenza dell’ordine e cura degli stessi luoghi allora e ora. Luoghi che sono stati sviluppati secondo modelli di urbanistica occidentale di qualità. La cosa salta agli occhi perché al mio primo contatto nel 1986 mi sembrava l’Italia poco curata degli anni ’50, da poco uscita dalla seconda guerra mondiale. Sono si passati molti anni, ma ciò che ha inciso maggiormente è stata di certo la scelta delle autonomie politiche delle repubbliche. Ma neppure su ciò intendo porre l’accento quanto su come, visto dallo straniero sia di certo più positivo in assoluto l’ordine e la cura dell’urbanistica.
Not that I am a profound connoisseur of the Russian territory, but I had the opportunity to move in some Republics in the period of Peristroika and also found the companies that were part of it, formed by very different people, that years and years of various conditioning and communism had failed to fully approve; but this is and represents the beauty left by the then USSR. My first contact with the territory was in 1986 with the process of change taking place and with it the opening to the markets in Europe, which in truth had started a few years earlier. In any case, however, the strategy of monitoring those who in various capacities entered the Soviet territory was still very present, that is to say: one clearly perceived a careful control of personal movements for any destination. But that’s not what I want to talk about rather than the enormous real difference in order and care of the same places then and now. Places that have been developed according to models of quality western urban planning. The thing is clear to me because at my first contact in 1986 it seemed to me that Italy was not very well looked after in the 50s, just after the second world war. Many years have passed, but what has most impacted was certainly the choice of the political autonomies of the republics. But even on this I mean to emphasize the fact that, as seen by the foreigner, the order and care of urban planning is certainly more positive.

 

Unico

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *