La Solitudine Non Esiste

Abbiamo dimenticato cosa sia guardarsi l’un l’altro, toccarsi, avere una vera vita di relazione, curarsi l’uno dell’altro. Non sorprende se stiamo morendo tutti di solitudine.
Leo Buscaglia
We have forgotten what it is to look at each other, touch each other, have a real life of relationship, take care of each other. It is not surprising if we are all dying of loneliness.
Leo Buscaglia

 

Da ultra settantenne ormai prossimo agli ottanta ho di certo una buona esperienza circa l’argomento “Solitudine” che in verità ho elaborato per ragioni legate più che altro alle nozioni base assunte quando ancora non avevo una maturità sociale bene sviluppata, vale a dire: credevo in modo acritico ciò che viene  di norma inteso col termine “Solitudine”, salvo poi costatare che ognuno ne da una valenza propria. Le esperienze della vita mi hanno gradualmente fatto comprendere quanto sia coriaceo a quel sentimento e giungere addirittura alla definizione di non esistenza del medesimo. Ciò è potuto avvenire sia per ripetute analisi del sé comportamentale in situazioni non semplici, sia per lo sviluppo del pensiero positivo, tipico della personalità che mi contraddistingue. In altre parole ho la certezza di avere un karma positivo capace di superare anche momenti di grande disorientamento. Ed è stata una sorpresa anche per me il poter affrontare situazioni che pensavo potessero opprimere il senso di serenità che mi appartiene. Ho la certezza di non essere un fenomeno, né tantomeno avere un carattere superficiale se non addirittura irresponsabile, piuttosto, ho speso molto in studi di psicologia legata ad approfondimenti sulla nostra essenza di umani che si vogliono conoscere sempre più in profondità, ed è questo che mi ha dato l’opportunità di vedere le situazioni proposte dalla vita in modo più qualitativo in generale e in particolare e a concludere nel modo desueto definito in argomento. Rifuggo dal dilungarmi sulla materia proprio perché ognuno ne da una valenza personale, ma voglio concludere nel modo positivo che è parte di me come un omaggio a chi è in difficoltà nello affrontare i momenti bui della vita; forse sapere che non sono inevitabili può essere utile per far tentare strade differenti e costruttive.
From the age of seventy now approaching eighty I certainly have a good experience about the topic “Loneliness” that in truth I have elaborated for reasons related more than anything else to the basics assumed when I had not yet a well developed social maturity, namely: I believed in an uncritical way what is usually understood by the term “Loneliness”, only to ascertain that each one has its own value. The experiences of life have gradually made me realize how coriaceous it is to that feeling and even come to the definition of non-existence of the same. This could be done both for repeated analysis of the behavioral self in non-simple situations, and for the development of positive thinking, typical of the personality that distinguishes me. In other words, I have the certainty of having a positive karma able to overcome even moments of great disorientation. And it was a surprise for me to be able to face situations that I thought could oppress the sense of serenity that belongs to me. I have the certainty of not being a phenomenon, nor have a superficial if not even irresponsible character, rather, I spent a lot in psychology studies related to deepening our essence of humans who want to know more and more in depth, and that’s what it gave me the opportunity to see the situations proposed by life in a more qualitative manner in general and in particular and to conclude in the obsolete way defined in the subject. I refuse to dwell on the subject just because everyone has a personal value, but I want to conclude in a positive way that is part of me as a tribute to those in difficulty in facing the dark moments of life; perhaps knowing that they are not inevitable can be useful for trying different and constructive ways.
I videos di seguito hanno la scopo di far comprendere le varie latitudini della solitudine in particolare fra i giovani che hanno energie da spendere, ma poche esperienze su cui fondare una propria identità definitiva sulla materia.
The videos below are intended to make understand the various latitudes of loneliness in particular among young people who have energy to spend, but few experiences on which to base their own definitive identity on the subject.

 

Unico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *