Ispezioniamola Sta Meraviglia

Il cervello contiene 14 miliardi di neuroni che viaggiano a una velocità di 450 miglia all’ora. Gran parte di questi sfugge al nostro controllo, per cui quando abbiamo freddo, ecco la pelle d’oca; quando siamo eccitati, ecco l’adrenalina. Il nostro corpo segue naturalmente i suoi impulsi, e penso che in parte sia per questo che ci risulta così difficile controllarlo. Naturalmente qualche volta accade che proviamo impulsi che preferiamo non controllare… anche se dopo, vorremmo averli controllati. Ma che cosa circola lungo gli assoni dei nostri neuroni? Che cos’è che gira e rigira nel nostro sistema nervoso e nella nostra testa sotto forma di segnale nervoso?
La risposta non è facile, ma tutto sommato univoca: informazione. Utilizzando poca energia e con l’intervento materiale di un certo numero di molecole, quello che gira per i nostri neuroni e tra i nostri neuroni è essenzialmente informazione. Che va dalla periferia al centro, dal centro di nuovo alla periferia e nelle diverse regioni del cervello.
Vari autori
The brain contains 14 billion neurons traveling at a speed of 450 miles per hour. Much of this escapes our control, so when we’re cold, here’s goosebumps; when we are excited, here is the adrenaline. Our body naturally follows its impulses, and I think that is partly why it is so difficult for us to control it. Of course sometimes it happens that we feel impulses that we prefer not to control … even if afterwards, we would like to have them checked. But what circulates along the axons of our neurons? What is it that turns and turns in our nervous system and in our head in the form of a nervous signal?
The answer is not easy, but all in all unique: information. Using little energy and with the material intervention of a certain number of molecules, the one that runs for our neurons and between our neurons is essentially information. Which goes from the periphery to the center, from the center back to the periphery and into the different regions of the brain.
Vari autori

 

Sia chiaro che per tutto ciò che viene inserito ed esposto all’osservazione non c’è nessun altra volontà se non di dare una minimale quantità di informazioni allo scopo di evidenziare come tutto il complesso cerebrale e le sue diramazioni siano davvero un concentrato difficile da penetrare nella sua funzionalità. La cosa alfine è anche strana perché riguarda l’aspetto più controverso in quanto sede delle nostre esperienze umane sin dalla notte dei tempi, che stiamo gradualmente scoprendo condensata in questo organo, di difficile accesso a dir poco. Ognuno ne farà le considerazioni dovute a tale meraviglia. Penso che un plauso a tutti coloro che studiano la funzionalità così complessa, sia dovuto.
It is clear that for all that is inserted and exposed to the observation there is no other will but to give a minimal amount of information in order to highlight how the whole brain complex and its branches are really a concentrate difficult to penetrate in its functionality. The thing at last is also strange because it concerns the most difficult aspect as the seat of our human experiences since the dawn of time, which we are gradually discovering condensed in this organ, difficult to access to say the least. Everyone will make the considerations due to such a marvel. I think that applauding all those who study the functionality so complex, is due.

 

Unico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *