Harmonic Rowing

Armonia, equilibrio e ritmo. Sono le tre cose che ti porti dietro per tutta la vita. Senza di loro, la civiltà si guasta. Ed è per questo che un vogatore, quando va per la sua strada, è in grado di lottare, di affrontare la vita. È questo l’insegnamento del canottaggio.
George Yeoman Pocock
Harmony, balance and rhythm. These are the three things you carry with you for a lifetime. Without them, civilization breaks down. And that’s why a rower, when he goes his way, is able to fight, to face life. This is the teaching of rowing.
George Yeoman Pocock

 

Fare canottaggio, a qualsiasi livello, è un’esperienza profondamente formante. Questo perché, alla base dell’arte del remo, c’è la stessa filosofia esposta da Benjamin Franklin: dimmi e io dimentico. Mostrami e io ricordo. Coinvolgimi e io imparo.
Proprio questa sua grande capacità di coinvolgimento rende il canottaggio uno dei migliori insegnanti che si possano mai trovare. Naturalmente, le lezioni sono uguali per tutti, ma quello che apprenderete dipenderà dalla vostra sensibilità e dalla capacità di avvicinarvi all’anima di questo sport. 
Ecco le 10 cose che ho imparato io:
1) Nell’arte del remo niente è facile come sembra e tutto richiede più tempo di quanto si pensi.
2) Le barche o i remi vengono danneggiate sempre e solo in proporzione al loro valore.
3) La barca è come un mulo. Se la si spinge troppo, scalcia e disarciona chi la cavalca.
4) Sotto pressione, le cose peggiorano.
5) Nel caso di rovesciamento, ogni canottiere ha un piano che non funzionerà.
6) Nel canottaggio, ogni azione è sudore.
7) Là dove la coordinazione non è necessaria, funziona perfettamente. Là dove è assolutamente necessaria, va a catafascio, è una regola non scritta.
8) La precedenza in acqua va sempre a chi grida più forte, che si fa sentire!
9) Per quanto uno faccia, non farà mai abbastanza. Provare per credere!
10) Quando cerchi un compagno di barca, quelli buoni sono già presi.
Rowing at any level is a profoundly formative experience. This is because, at the base of the art of the oar, there is the same philosophy exposed by Benjamin Franklin:
tell me and I forget.
Show me and I remember.
Engage me and I learn.
It is precisely this great capacity for involvement that makes rowing one of the best teachers one can ever find.
Of course, the lessons are the same for everyone, but what you will learn will depend on your sensitivity and your ability to get closer to the soul of the sport.
Here are the 10 things I learned:
1) In the art of oar nothing is as easy as it seems and everything takes longer than you think.
2) Boats or oars are always and only damaged in proportion to their value.
3) The boat is like a mule. If you push it too hard, kick and dump those who ride it.
4) Under pressure, things get worse.
5) In case of overturning, each vest has a plan that will not work.
6) In rowing, every action is sweat.
7) Where coordination is not necessary, it works perfectly. Where it is absolutely necessary, it goes to disaster, it is an unwritten rule.
8) Water priority always goes to those who cry louder, who make themselves heard!
9) As much as one does, it will never do enough. Seeing is believing!
10) When looking for a boat mate, the good ones are already taken.
Nel canottaggio, come in qualunque altro sport, il ruolo più difficile è sempre quello dell’allenatore. Questo perché mentre gli atleti possono “permettersi” di fare soltanto gli atleti,  lui deve essere al tempo stesso un maestro, un amico e un poliziotto. E questo accade a tutti i livelli, dal centro Federale di Piediluco Italia fino al più piccolo circolo di canottaggio; una verità che pochi conoscono!
In rowing, as in any other sport, the most difficult role is always that of the coach. This is because while athletes can “afford” to be athletes only, he must be both a teacher, a friend and a policeman. And this happens at all levels, from the Federal center of Piediluco Italy to the smallest rowing club; a truth that few know!
A livello muscolare, il canottaggio è molto interessante perché vengono coinvolti tutti i maggiori gruppi muscolari degli arti superiori, arti inferiori e tronco. Sono ovviamente richieste notevoli caratteristiche aerobiche; se comunque si tiene conto che nel canottaggio d’élite, una gara ha una durata tra i 5,5 e i 9 minuti (per una distanza di 2000 m), un atleta deve possedere non soltanto una notevole potenza aerobica, ma anche importanti capacità anaerobiche.
On a muscular level, rowing is very interesting because all the major muscle groups of the upper limbs, lower limbs and trunk are involved. Significant aerobic characteristics are obviously required; if, however, it is taken into account that in the elite rowing, a race lasts between 5.5 and 9 minutes (for a distance of 2000 m), an athlete must possess not only considerable aerobic power, but also important anaerobic abilities .
L’allenamento di chi pratica canottaggio deve sviluppare la resistenza aerobica generale (a questo scopo vengono previste sedute la cui durata va dai 20 ai 50 minuti circa; la velocità di percorrenza deve essere aumentata man mano che l’atleta migliora le proprie qualità), lo sviluppo muscolare (l’allenamento deve tenere conto che il canottaggio richiede sì doti di forza, ma anche di velocità ed elasticità; queste due ultime caratteristiche vanno migliorate attraverso sforzi di breve durata eseguendo esercizi ergometrici che non richiedano forze eccessivamente elevate e garantiscano una buona velocità di esecuzione) e la tecnica individuale (migliorare le proprie capacità tecniche è indispensabile nella pratica del canottaggio in modo da realizzare un ciclo di voga armonico.
The training of those who practice rowing must develop general aerobic resistance (for this purpose sessions are scheduled whose duration ranges from about 20 to 50 minutes; the traveling speed must be increased as the athlete improves his qualities), muscle development (training must take into account that rowing requires strength, but also speed and elasticity; these last two characteristics must be improved through short-term efforts by performing exercise ergonometric that don’t require excessively high forces and ensure good speed of execution) and individual technique (improving one’s technical skills is essential in the practice of rowing so as to achieve a harmonious rowing cycle.

 

Unico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *