Nostalgic Time

“La tecnica del piano in realtà è molto semplice, ma ci vogliono anni per averne padronanza”.  
Glenn Gould
Leggere lo spartito, coordinare le mani, suonare il ritmo giusto: interpretare un pezzo non è sempre facile.
I grandi pianisti come Glenn Gould (1932-1982) ci hanno spesso messo anni prima di raggiungere una tecnica musicale ineccepibile.
Tuttavia, la tecnica non è così complicata da capire. Ma il cervello deve poter avere il tempo di registrare tutte le informazioni per poi metterle in pratica.
E questo è un processo lungo!
“The piano technique is actually very simple, but it takes years to master it.”
Glenn Gould
Reading the score, coordinating the hands, playing the right rhythm: interpreting a piece is not always easy.
The great pianists like Glenn Gould (1932-1982) have often taken years before reaching an unexceptionable musical technique.
It’s so complicated to understand. But the brain must have time to record all the information and then put it into practice.
And this is a long process!
Voglio spendere qualche parola sul mondo che sta attorno allo strumento acustico che è definito: “Pianoforte”. Nato a seguito dello sviluppo di un altro strumento acustico (Clavichord) ha assunto un ruolo “assoluto” nel mondo della musica classica a causa delle notevoli qualità della sua voce. Così la evoluzione dei meccanismi che ne fanno parte, che via via si sono evoluti e specializzati nell’ottenere finezze interpretative di grande qualità. In fondo per chi non conosce sto mondo risulta difficile comprendere le sofisticazioni portate a compimento per ottenere una opportuna eccitazione delle corde acustiche di un pianoforte, che funziona sulla base della percussione di un martelletto che colpisce un singolo filo di metallo armonico per generare una nota del suono voluto. Certo che si può vivere anche senza conoscere queste cose, ma nessuno ha la pretesa di turbare l’equilibrio di esseri viventi estranei a ciò, è solo un’assai breve dissertazione su una materia che sta alla base della nostra civiltà, se la si prende nella sostanza in cui si è sviluppata e le ragioni che ne hanno consentito la diffusione nelle varie nazioni che ne hanno capito l’importanza per la vita intellettiva dell’uomo.
I want to say a few words about the world around the acoustic instrument that is defined: “Piano”. Born following the development of another acoustic instrument (Clavichord) it has assumed an “absolute” role in the world of classical music due to the remarkable qualities of its voice. Thus the evolution of the mechanisms that are part of it, which gradually evolved and specialized in obtaining interpretations of great quality. After all, for those unfamiliar with the world it is difficult to understand the sophistications brought to completion to obtain a suitable excitation of the acoustic strings of a piano, which works on the basis of the percussion of a hammer that strikes a single harmonic metal wire to generate a note of the wanted sound. Of course you can live even without knowing these things, but no one claims to upset the balance of living beings that are foreign to this, it’s just a very brief dissertation on a subject that is at the base of our civilization, if you take it in the substance in which it developed and the reasons that have allowed its diffusion in the various nations that have understood its importance for the intellectual life of man.
Di seguito nei videos allegati si spiegano i punti salienti della funzionalità dei vari e singolari meccanismi adottati per ottenere le migliori prestazioni delle note ottenibili, che di certo saranno anche per certi versi ostici da capire, ma più che altro è per non dimenticare che dietro ogni cosa non compresa ci sta un mondo che può essere capito.
Below in the attached videos we explain the salient points of the functionality of the various and unique mechanisms adopted to obtain the best performance of the obtainable notes, which certainly will also be difficult to understand in some ways, but more than anything else is to not forget that behind every something not understood there is a world that can be understood.

 

Differenze tra un piano orizzontale o gran piano e uno verticale upright
Differences between a horizontal plane or a grand plane and an upright vertical plane

 

Differenze in grandezze tra piani orizzontali
Differences in sizes between horizontal planes

 

Unico

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *