Bravi al Pianoforte

Chiunque nella sala da concerto sia in grado di vedere la tastiera di un pianoforte si accorge che l’esibizione aggiunge all’arte puramente sonora della musica un’altra dimensione estetica, quella visiva: una serie di movimenti agili, ritmici e perfettamenti controllati che formano una coreografia della mano.
Alfred Corn
Anyone in the concert hall who is able to see the keyboard of a piano realizes that the exhibition adds another aesthetic dimension to the purely sonic art of music, the visual one: a series of agile, rhythmic and controlled perfect movements that form a choreography of the hand.
Alfred Corn

 

Quando entri nel mondo della musica al primo momento non ti rendi conto che ti cambierà la vita ed è ciò che mi sta accadendo, sto scoprendo cose di me di cui non avevo la minima consapevolezza, la più significativa è che ho sempre pensato di non avere nessuna attitudine musicale che è la ragione del perché  mai la gioventù mi ha orientato sulla materia pur avendo frequentato luoghi di aggregazione che abbondavano di ritmi musicali aggiornati alla moda del momento e in più, che in casa avevamo ereditato un piano forte upright che era soprattutto un giocattolo musicale per mia sorella che lo utilizzava senza nessuna conoscenza delle note musicali, vale a dire: suonava ad orecchio. La sua capacità di distinguere le tonalità operava il sortilegio di coordinarle in modo da copiare significativamente le arie che ascoltava, ciò che a me non riusciva proprio per niente. La cosa fa riflettere se si pensa che invece la musica può essere appresa con un adeguato addestramento perché è: prima di ogni altra cosa, semplice addestramento dei fattori che la esprimono, ma questa è una bufala che può essere smontata subito in quanto le neuroscienze  hanno scoperto e dimostrato che la musica è legata alla capacità individuale e che se non c’è un’attitudine significativa uno negato rimane tale nonostante, come nel mio caso, abbia approfondito la conoscenza sulla generazione della musica dal punto di vista della fisica. La ragione sta nel fatto che il cervello smonta ciò che l’individuo ascolta e lo ricostruisce, e se è carente in questo, la rielaborazione non è in grado di riprodurre in modo adeguato i toni ascoltati.
When you enter the world of music at the first moment you do not realize that it will change your life and it is what is happening to me, I am discovering things about myself that I did not have the slightest awareness of, the most significant is that I always thought I did not have no musical aptitude which is the reason why the youth never oriented me on the matter despite having frequented places of aggregation that abounded with updated musical rhythms of the current fashion and more, that in the house we had inherited an upright piano that was above all a musical toy for my sister who used it without any knowledge of musical notes, that is: she played by ear. His ability to distinguish the tonalities operated the spell of coordinating them in order to significantly copy the arias he listened to, which I could not manage at all. This makes you think if you think that music can instead be learned with adequate training because it is: first of all, simple training of the factors that express it, but this is a hoax that can be dismantled immediately as neuroscience has discovered and demonstrated that music is linked to individual ability and that if there is no significant attitude, one denied remains so despite, as in my case, he has deepened his knowledge on the generation of music from the point of view of physics. The reason lies in the fact that the brain dismantles what the individual listens and reconstructs it, and if it is lacking in this, the reworking is not able to adequately reproduce the tones heard.
Inoltre, rispetto a quanto sopra descritto, nella esecuzione delle scale base di acquisizione della necessaria agilità dinamica per le dita, ho scoperto una difficilissima adattabilità delle medesime nonostante routine a ripetizione nell’intento di giungere alla necessaria fluidità esecutiva. L’utilizzo sportivo delle mani da sempre, mi ha conferito una forza non comune che mi pone in una caratterizzazione articolare poco adatta alle necessità della tastiera del pianoforte che invece richiede grande agilità in particolare nell’utilizzo dei semitoni. Insomma la mia condizione di bradipo non mi consente una buona accessibilità laddove la tastiera lo richiede. Peccato, rimarrà fra le cose che seppure non impossibili da concretizzare, limiteranno molto l’espressività.
Furthermore, with respect to the above, in the execution of the basic scales of acquisition of the necessary dynamic agility for the fingers, I discovered a very difficult adaptability of the same despite repetitive routines in order to reach the necessary executive fluidity. The sporting use of the hands has always given me an uncommon strength that places me in a joint characterization that is not very suitable for the needs of the piano keyboard which instead requires great agility, especially in the use of semitones. In short, my sloth condition does not allow me good accessibility where the keyboard requires it. Too bad, it will remain among the things that although not impossible to concretize, will greatly limit the expressiveness.

 

Unico

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *