Divaghiamoci Al Pianoforte

Aveva la faccia di uno che non scherzava, uno che sapeva benissimo dove stava andando. Era come quando si sedeva al pianoforte e attaccava a suonare: non c’erano dubbi nelle sue mani, era come se i tasti aspettassero quelle note da sempre. Sembrava che inventasse lì per lì, ma da qualche parte, nella sua testa, quelle note erano scritte da sempre. Adesso so che quel giorno, Novecento aveva deciso di sedersi davanti alla tastiera della sua vita, per iniziare a suonare la sua musica più assurda e che su quella musica avrebbe ballato quel che rimaneva dei suoi anni.
Alessandro Baricco
He had the face of someone who wasn’t joking, someone who knew exactly where he was going. It was like when he sat at the piano and attacked to play: there was no doubt in his hands, it was as if the keys had always waited for those notes. It seemed that he invented there and there, but somewhere in his head, those notes were always written. Now I know that day, Novecento had decided to sit in front of the keyboard of his life, to start playing his most absurd music and that what remained of his years would dance on that music.
Alessandro Baricco

 

Sapere ascoltare è già un gran traguardo per chi ama ascoltare!
Knowing how to listen is already a great goal for those who love to listen!

 

Unico

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *