Sostenitore E Protagonista

L’incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c’è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.
Carl Gustav Jung
The meeting of two personalities is like the contact between two chemicals; if there is any reaction, both are transformed.
Carl Gustav Jung
La personalità è per l’uomo ciò che il profumo è per il fiore.
Charles M. Schwab
Personality is for man what perfume is for flower.
Charles M. Schwab
L’Indicatore di personalità di Myers-Briggs, a volte abbreviato con MBTI (dall’inglese Myers-Briggs Type Indicator), individua una serie di caratteristiche psicologiche identificate attraverso appositi questionari psicometrici e nasce con l’idea di comprendere e schematizzare il modo in cui una persona si rapporta e si comporta nei confronti del mondo e della vita in generale. Fortemente basato sulla teoria dei tipi psicologici di Carl Gustav Jung, l’indicatore discrimina tra sedici possibili tipi di personalità, individuati da quattro diverse caratteristiche che possono presentarsi ognuna in due modi alternativi.
Le due pioniere di questo tipo di ricerche furono Katharine Cook Briggs e sua figlia Isabel Briggs Myers, che cominciarono a pensare all’indicatore durante la seconda guerra mondiale con l’intento di aiutare le donne, che stavano entrando per la prima volta nel mondo dell’industria per sopperire alla mancanza di operai uomini all’epoca impegnati in guerra, a capire il tipo di lavoro più adatto per loro e in cui potessero essere più utili. Il questionario iniziale raggiunse la sua forma definitiva nel 1962, anno in cui fu pubblicato. L’indicatore si basa su popolazioni normali e sottolinea il valore di differenze che occorrono naturalmente all’interno di esse.
The Myers-Briggs personality indicator, sometimes abbreviated as MBTI (from the English Myers-Briggs Type Indicator), identifies a series of psychological characteristics identified through specific psychometric questionnaires and was born with the idea of ​​understanding and schematizing the way in which to which a person relates and behaves towards the world and life in general. Strongly based on Carl Gustav Jung’s theory of psychological types, the indicator discriminates between sixteen possible personality types, identified by four different characteristics that can each present themselves in two alternative ways. The two pioneers of this type of research were Katharine Cook Briggs and his daughter Isabel Briggs Myers, who began to think of the indicator during the Second World War with the intention of helping women, who were entering the world of industry for the first time to make up for the lack of male workers at the time engaged in war, to understand the type of work most suitable for them and in which they could be most useful. The initial questionnaire reached its final form in 1962, when it was published. The indicator is based on normal populations and underlines the value of differences that occur naturally within them.
Come dice il manuale scritto dalle due ricercatrici, l’indicatore è «costruito come espressione di una teoria, dunque bisogna capire la teoria per comprendere l’indicatore» («[the indicator] is designed to implement a theory; therefore the theory must be understood to understand the MBTI»). La teoria in questione è la già citata teoria dei tipi psicologici di Jung, con alcune modifiche e generalizzazioni.
Jung propose l’esistenza di due coppie dicotomiche di funzioni cognitive:
la coppia di giudizio o razionale: ragionamento e sentimento
la coppia di percezione o irrazionale: intuizione e sensazione
Ogni persona esprimerebbe queste funzioni prevalentemente “verso gli altri” (in maniera estro-versa) oppure “verso la sfera interiore” (in maniera intro-versa).
Dunque, date le dicotomie estroverso/introverso, ragionamento/sentimento, sensazione/intuizione, la teoria di Jung individua otto possibili archetipi di personalità. L’indicatore di Myers-Briggs prevede in più una quarta dicotomia (giudizio/percezione) che individua quale delle funzioni l’individuo utilizza preferibilmente nel suo rapporto col mondo esterno.
As the manual written by the two researchers says, the indicator is “built as an expression of a theory, therefore one must understand the theory to understand the indicator” (“[the indicator] is designed to implement a theory; therefore the theory must be understood to understand the MBTI “). The theory in question is Jung’s aforementioned theory of psychological types, with some modifications and generalizations. Jung proposed the existence of two dichotomous pairs of cognitive functions:
the judgmental or rational pair: reasoning and sentiment,
the pair of perception or irrational: intuition and sensation
Each person would express these functions mainly “towards others” (in an extroverted way) or “towards the inner sphere” (in an introverted way).
Therefore, given the extrovert / introverted dichotomies, reasoning / feeling, feeling / intuition, Jung’s theory identifies eight possible personality archetypes.
The Myers-Briggs indicator also provides for a fourth dichotomy (judgment / perception) which identifies which of the functions the individual preferably uses in his relationship with the outside world.
Le quattro coppie di caratteristiche sono schematizzate nella tabella seguente:
Dicotomie
Estroversione (E) –
(I) Introversione
Sensitività (S) –
(N) Intuizione
Ragionamento (T) –
(F) Sentimento
Giudizio (J) –
(P) Percezione
Le lettere fra parentesi fanno riferimento ai corrispondenti termini inglesi: extraversion/introversion, sensitivity/intuition, thinking/feeling, judgment/perception.
Va sottolineato che i termini specifici utilizzati per indicare le singole caratteristiche delle coppie hanno un significato preciso all’interno della teoria degli archetipi cui fa capo l’indicatore, significato che è spesso differente da quello di uso comune: ad esempio una persona con funzione dominante di giudizio non è necessariamente più ‘giudiziosa’ di una con funzione dominante di percezione.
The four pairs of characteristics are summarized in the following table:
Dicotomies
Extroversion (E) –                                                 (I) Introversion
Sensitivity (S) –                                                     (N) Intuition
Reasoning (T) –                                                     (F) Sentiment
Judgment (J) –                                                       (P) Perception
The letters in parentheses refer to corresponding English terms: extraversion / introversion, sensitivity / intuition, thinking / feeling, judgment / perception. It should be emphasized that the specific terms used to indicate the individual characteristics of couples have a precise meaning within the archetypal theory to which the indicator, meaning that is often different from that of common use: for example a person with a dominant function of judgment is not necessarily more ‘judicious’ than a person with a dominant function of perception.

 


Succede che per una serie di confronti avvenuti durante un’analisi approfondita diretta, fatta da persone qualificate nella conoscenza delle personalità secondo gli indici Meyers Briggs,  emergano alcune aree comportamentali in cui alcuni fattori dominanti siano strettamente in collegamento tra loro e significativamente ora più dell’una ora più dell’altra personalità, ma di certo coesistenti in entrambe. Questa particolarità starebbe a confermare infine l’elevato livello elettivo di chi possiede la combinazione, che già in entrambe le personalità separate sono definite “Rare” e fra le due, la più “Rara” e quella del “Sostenitore”. Mi corre l’obbligo di dover chiarire sto fatto, in quanto ne sono coinvolto in prima persona. Di certo é più che un vantaggio per via dell’incremento di qualità complessiva che assume la personalità di chi la possiede perché lo é, ma in modo del tutto inconscio. In definitiva si può affermare che il possessore di questa particolare combinazione di personalità e in assoluto il più “Raro”, vale a dire meno dell’un percento dell’intera popolazione umana.
It happens that for a series of comparisons that took place during a direct in-depth analysis, made by people qualified in the knowledge of the personalities according to the Meyers Briggs indices, some behavioral areas emerge in which some dominant factors are closely connected to each other and significantly now more than one hour more than the other personality, but certainly coexisting in both. This particularity would finally confirm the high elective level of those who own the combination, which are already defined in both separate personalities as “Rare” and between the two, the more “Rare” and that of the “Supporter”. I have an obligation to clarify this fact, as I am personally involved in it. It is certainly more than an advantage because of the increase in overall quality that the personality of the person who owns it assumes because it is, but in a completely unconscious way. Ultimately it can be said that the owner of this particular combination of personalities is by far the “rarest”, that is less than one percent of the entire human population.

 

Unico

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *